Bangkok
La storia della capitale della Thailandia è piuttosto recente: fu infatti fondata poco più di 200 anni fa, nel 1782 sotto il regno di Rama I, asceso al trono del Siam, che spostò qui la capitale del regno, sulla sponda sinistra del fiume Menam.
Il nome in Thailandese della città è "Krung Thep" ovvero "Città degli angeli" ed il suo nome cerimoniale completo è significa "Città degli angeli, la grande città, la città della gioia eterna, la città impenetrabile del dio Indra, la magnifica capitale del mondo dotata di gemme preziose, la città felice, che abbonda nel colossale Palazzo Reale, il quale è simile alla casa divina dove regnano gli dei reincarnati, una città benedetta da Indra e costruita per Vishnukan"
Oggi Bangkok è una scintillante metropoli di sei milioni di abitanti con due affascinanti volti: quello della città vecchia con i palazzi e i templi del XVIII secolo e la città moderna con i suoi centri commerciali e le aree di sviluppo lambite dal fiume. Qui potrete scegliere di visitare le bellezze monumentali della città,rilassarvi in qualche parco oppure avventuravi nella vita notturna e nei vivaci negozi e mercati per fare shopping.
La capitale thailandese è inoltre uno dei principali centri commerciali del Sud-Est Asiatico e nel suo porto si concentrano gran parte delle importazioni / esportazioni del paese.
Il suo suggestivo intrigo di canali, costruito per rievocare l'antica capitale Ayutthaya gli è valso il soprannome di "Venezia d'Oriente" ed è tra questi canali che si snoda il caratteristico mercato galleggiante di Thon Buri, dove le imbarcazioni fungono da banchi di vendita.
A Bangkok sono inoltre presenti molti templi (wat), circa 400, tra i quali il più famoso è il Tempio del Buddha di Smeraldo, all'interno della cittadella sacra fortificata, costruito alla fine del diciottesimo secolo per costudire la statua del Buddha di Smeraldo assai venerata nella nazione.

Pattaya
La città di Pattaya si erge sulla riva di piccole baie con una concentrazione di edifici commerciali che si estendono fino all’entroterra dietro gli alberghi di fronte alle spiagge. Le baie a nord e al centro sono quelle dove si concentrano gli alberghi di lusso. Le aree circostanti si presentano calme e tranquille. La zona sud di Pattaya è invece famosa per i quartieri vivaci e ideali per ogni tipo di divertimento.

Ayutthaya
Per quattro secoli fino alla metà del XVIII secolo, Ayutthaya è stata la capitale della Thailandia e una delle più splendide città dell’Asia. Ora, tutto ciò che rimane di questa gloriosa capitale sono le magnifiche rovine dei templi e dei palazzi che risalgono al 1350, anno della fondazione della città. I resti del palazzo reale testimoniano come il Gran Palazzo di Bangkok si sia ispirato all’architettura caratteristica dell’antica città. Oltre le rovine, valgono una visita i musei che documentato la memoria di 33 regni successivi.
Al Centro Storico di Ayutthaya è possibile fare un viaggio a ritroso nel tempo, passando dall’epoca di maggior splendore della capitale fino al suo decadimento.

Phuket
Phuket è l'isola più grande della Thailandia. Si trova nella parte meridionale del paese, nel mare delle Andamanne, ad ovest della penisola malese.
Il suo territorio è molto vario: spiagge rocciose, grandi spiagge sabbiose, scogliere di pietra calcarea, foreste tropicali colline con vegetazione di ogni tipo.
Phuket è una delle mete turistiche principali della Thailandia, famosa in tutto il mondo per le sue spiagge bianchissime, un mare cristallino e i suoi fondali ricchi di pesci colorati e coralli.
Phuket è circondata da numerose isolette nelle quali si possono fare delle escursioni in barca, immersioni e snorkelling
Tra le spiegge più famose dell'isola ci sono Karon, una spiaggia di sabbia lunga circa 4km, Yanj, tranquilla e rilassante all'interno di un parco naturale e Patong Beach, la spiaggia dove c'è più vita e più divertimenti.
Phuket offre la possibilità di misurarsi in una moltitudine di interessanti attività: trekking con gli elefanti, bungee jumping e ogni sport d’acqua immaginabile.
E' raggiungibile da Bangkok in circa un'ora di volo.

Koh Samui
Completamente fuori dal mondo è considerata la meta ideale per tutti coloro che cercano la pace in uno scenario incantevole. 
Il fascino di Samui è un insieme di sensazioni diverse: quando il sole tramonta sullo splendore delle spiagge bianchissime e solitarie, quando gli occhi spaziano dai colori delicati delle siepi di gelsomino in contrasto con il verde profondo delle foreste di noci di cocco, quando ci si immerge nelle acque cristalline e si scoprono meravigliose scogliere di coralli. 
Le spiagge di Samui sono fantastiche. Le più pittoresche e vivaci sono Lamai e Chaweng, sulla costa est dell’isola. Ognuna di queste due spiagge è autosufficiente e qui potrete trovare tutto quello che vi serve: ristoranti, uffici di cambio, banche, night clubs, sport e molto altro. 
Chi invece cerca la tranquillità potrà trovarla lungo le spiagge a sud e a ovest, veri gioielli di bellezza naturale. Con la macchina raggiungete il centro dell’isola e visitate le cascate di Namnuang o il Parco delle Farfalle di Samui oppure il Centro delle Scimmie.

Krabi
La provincia di Krabi, con la sua località balneare di Ao Nang Beach si affaccia sulla splendida Baia di Phang Nga considerata uno dei posti più caratteristici di tutto il Sud Est Asiatico. Famosa per aver fatto da cornice a diverse produzioni cinematografiche, tra cui una delle più famose resta "Agente 007 - L’uomo dalla pistola d’oro", la baia offre paesaggi mozzafiato e spiagge bianchissime comodamente raggiungibili con pochi minuti di battello da Krabi o Ao Nang. Impervi faraglioni ricoperti da vegetazione lussureggiante, spiaggette nascoste, intricate vie d’acqua costeggiate da mangrovie fanno da cornice ad Ao Nang Beach dove inoltre la sera sono disponibili ristoranti, negozi e mercatini per una piacevole passeggiata dopo una intensa giornata di mare.

Phi Phi Island
Acque smeraldine e trasparenti, lunghe spiagge bianche, imponenti e maestose scogliere calcaree a picco sul mare questa è Phi Phi Island. In realtà non è un’unica isola, ma un piccolo arcipelago composto da due isole: Phi Phi Don e Phi Phi Le; distanti una quarantina di chilometri sia da Krabi che da Phuket. Phi Phi Le - diventata famosa per la sua bellissima Maya Bay, dove è stato girato il film The Beach - è un’isola disabitata mentre Phi Phi Don, divisa in due parti collegate da un sottile istmo di sabbia largo 1 km, è quella che presenta le infrastutture turistiche come alberghi, ristoranti e centri diving. Fino agli anni ’40 del Novecento era abitata solo da una piccola comunità musulmana di pescatori, in seguito sono state impiantate piantagioni di cocco e, a partire dalla prima metà degli anni ’80, si è affermata come destinazione turistica internazionale. Al giorno d’oggi Phi Phi Island offre una vasta scelta di piccoli ed esclusivi resort ben inseriti nel suo contesto naturale di rara bellezza, è la meta ideale per chi desidera una vacanza di solo mare e relax (sull’isola non ci sono né strade né auto ma solo viottoli pedonali) e per chi ama praticare immersioni subacquee.

Chiang Mai
Chiang Mai, il centro culturale del Nord della Thailandia, è sopravvissuta intatta allo scorrere del tempo, mantenendo il suo importante ruolo spirituale su tutta la regione. 
La città è stata il luogo di nascita delle affascinanti tradizioni della cultura del nord e della religione buddista in Thailandia.
Il fulcro della città vecchia, circondato da un fossato e da mura fortificate, è un movimentato labirinto di mercati, vicoli e bellissimi e antichi templi.
La campagna che circonda Chiang Mai, offre un ampia varietà di attrazioni: giardini magnifici, villaggi tribali delle montagne, scuole per gli elefanti nella giungla e bellezze naturali come cascate, grotte e alti picchi montani.

Chiang Rai 
Chiang Rai è la città più a nord del regno ed è l’ingresso ad una regione di colline mistiche, affascinanti tribù, frutteti lussureggianti e la misteriosa seduzione del Triangolo d’Oro. 
Chiang Rai occupa un ruolo di rilievo nella storia thailandese. Chiangsaen, la prima capitale nord del regno fu costruita nel 1292. Nonostante Chiang Rai divenne in seguito la maggiore città, Chiangsaen rimane tutt’ora un importante distretto a 60 km a nord sopra il fiume Mae Khong.
Tra le testimonianze dell’era di Chiangnsaen, quelle di maggior valore riguardano le immagini del Buddha incise all’epoca. La Chiangsaen Buddha’sa image è considerata la scultura più perfetta dell’immagine di Buddha e di valore inestimabile tra gli oggetti sacri del buddismo thailandese. Il Buddha di Smeraldo, l’immagine del Buddha più sacra in Thailandia, era originariamente esposta nel XV secolo nel tempio di Chiang Rai, il Wat Prakeo. Quando fu fondata Bangkok, il Buddha di Smeraldo fu trasferito nel 1892 nella Cappella Reale del Gran Palazzo.

Lampang
Chiamata nel VII secolo Kelang Nakorn è la seconda più grande città del nord. Lampang si sta ancora sviluppando come centro commerciale e culturalmente è stata legata a Chiang Mai. Il maggiore e unico mezzo di trasporto è ancora il delizioso e colorato carretto trainato da un cavallo - che ci riporta al XIX secolo quando i mercanti inglesi arrivarono da Burma e trasformarono Lampang in un centro per la produzione del legno di teak.
Di conseguenza esistono ancora molte case in legno di teak e templi in stile Burmese all’interno della città. Al di la del legno di teak, Lampang è famosa per le sue ceramiche, il cotone, il centro di addestramento dei giovani elefanti ed ora il centro di mantenimento degli elefanti thailandesi.

Sukhothai
Letteralmente, il nome significa “L’alba della felicità”. Sukhothai si trova a 440 km a nord di Bangkok ed è considerata la capitale del primo regno indipendente thailandese.
Durante il XIII secolo, qui fiorì una esuberante e creativa cultura basata sul Buddismo, sul ceto guerriero dominante e su una prospera economia locale. Questo fu il periodo di massimo splendore di Sukhothai, sotto il regno di Re Ramkamhaeng che inventò l’alfabeto thai, introdusse il commercio libero, attuò le leggi civili e sostenne la diffusione del buddismo.
Dichiarata dall’UNESCO patrimonio mondiale, l’antica Sukhothai è ricca di rovine di molti templi d’influenza Khmer, Indiana, Burmese e Mon. Nel suo cuore si trova Wat Mahat , il monastero più grande che benché senza tetto, testimonia il maestoso splendore dell’architettura del periodo.
Qui si può ammirare il Buddha “parlante”, una enorme, bellissima statua seduta, affiancata dalle colonne del tempio il cui tetto è crollato nel tempo.

Khoen Kaen
Geograficamente, Khoen Kaen si trova nel cuore dell’altopiano nord est della Thailandia, l’area che comunemente viene indicata come Isaan.
Costruita nel 1783, Kon Khaen era all’epoca la capitale della provincia nord est più povera della Thailandia. I tempi sono cambiati, poiché oggi, è una prosperosa e vivace città che può vantare la più grande università della regione e molti studi televisivi, alberghi e centri commerciali.

Torna indietro