Alla scoperta dell’Uzbekistan!

Alla scoperta dell’Uzbekistan, del suo popolo sincero e aperto del suo patrimonio architettonico e culturale, delle sue tradizioni radicate sin dai tempi dei grandi conquistatori dell’Asia Centrale, delle piastrelle di maiolica blu ed oro del Grande Triangolo dell’Oriente: Samarcanda, Bukhara e Khiva, della citta’ verde, citta’ natale di Tamerlano del deserto di Kizil Kum (sabbie rosse) e dell’Amu Darya il piu’ noto e grande fiume dell’Asia Centrale. Tour su base privata con guida parlante italiano. 

1°giorno: Tashkent -  Arrivo a Tashkent, dopo sbrigato le formalità doganali e ritirato i bagagli incontro con la guida e trasferimento in hotel. Sistemazione in hotel, colazione e relax. Visita di Tashkent iniziando dal parco Alisher Navoi situato al centro di Tashkent, visita del Palazzo dell’amicizia dei Popoli del parco di Amir Temur dove si puo’ vedere la statua equestre di Tamerlano. Visita del  Tashkent Museo delle Arti Applicate, del palazzo dell' ex diplomatico russo Alexander Polovtsev. La madrasa di Kukeldash è una splendida scuola coranica del XVI secolo, la cui piazza si riempie di fedeli il venerdì in occasione della preghiera settimanale; nelle vicinanze sorge la piccola moschea Jami, risalente al XV secolo e utilizzata in epoca sovietica come officina per la lavorazione di lamiere. Arrivo al bazar Chorsu enorme mercato all’aperto e passeggiata. Visita al complesso Khast Imam, con la Moschea Tillya Sheykh, del XVI secolo, in cui si conserva quello che è ritenuto il più antico Corano esistente, segnato col sangue dello stesso Califfo Osman, assassinato nel 655.  Pranzo e cena in ristorante. Pernottamento  in hotel.

2°giorno: Tashkent / Urgench / Khiva (volo + 30 km ) -  Prima colazione e trasferimento in aeroporto, volo per Urgenk.  Arrivo trasferimento a Khiva. Sistemazione in hotel.  Intera giornata dedicata alle visita di Khiva chiamata « la citta’ museo a cielo aperto ». Khiva esiste da circa 900 anni, ma il suo sviluppo e’ avvenuto solo nel XIX secolo quando  e’ stata l’ultimo centro del commercio degli schiavi. La visita inizia con la cittadella Ichan Kala « La fortezza interna » di Khiva. L'affascinante centro storico ben conservato con monumenti del XVII-XIX sec: il complesso “Kunya Ark” con l’harem e le vecchie prigioni; la Scuola Coranica di Amin Khan, la bellissima Moschea di Juma costruita nel X secolo e restaurata nel XVIII secolo. Il Tosh Khovli « Il palazzo di Pietra » costruito come splendida alternativa alla Kunya Ark, consiste in alcune costruzioni intorno ad un cortile circondato dalle mura. Visita della Madrasa di Kuli Khan, del bazar e del caravanserraglio. Pranzo in una Chayhana locale. La visita prosegue con il mausoleo di Pakhlavan Makhmud nel XIX secolo, il mausoleo più bello e più sacro di Khiva. Pakhlavan Makhmud (1247-1325), dottore e poeta, oggi è onorato come una persona sacra. Sulla sua tomba venne costruito il mausoleo con la cupola, in seguito distrutta. Nell 1913 venne costruito un nuovo complesso, che include in sé il sepolcro. La cittadella di Khiva, dichiarata « Patrimonio dell'Umanità » dall'Unesco è racchiusa da un perimetro rettangolare costituito da alte mura di mattoni qui sono concentrati i principali monumenti storici.  Cena in ristorante locale. Pernottamento  in hotel.

3°giorno: Khiva / Bukhara (450 km 7 - 8 ore di percorrenza stradale) - Prima colazione in hotel e partenza per Bukhara. L'itinerario si snoda attraverso il fiume Amu-Darya e il deserto Rosso (Kyzilkum). In Uzbekistan ci sono due grandi fiumi: l’ Amu-Darya che nell’antichità classica era conosciuto con il nome greco di  Oxus e  il Syr-Darya, conosciuto dai greci come Jaxartes o Yaxartes.  L’ Amu-Darya scorre attraverso il Turkmenistan da sud a nord, passando Turkmenabad e segnando il confine tra Turkmenistan ed Uzbekistan da Khalkabad. Il deserto del Kizilkum (anche Kyzyl Kum e Qyzylqum) è un ampio deserto che si estende tra Kazakistan e Uzbekistan, in Asia Centrale. Il suo nome significa "le sabbie rosse". Il territorio è costituito per la maggior parte da una piana coperta di dune sabbiose. Il principale centro abitato della regione è Bukhara. Importanti per l'economia sono i giacimenti minerari, in particolare oro, uranio, alluminio, rame, argento, petrolio e gas naturale. Pranzo in una chayhana lungo  la strada per Bukhara, Arrivo e sistemazione in hotel. Cena in ristorante. Pernottamento in hotel.

4˚giorno: Bukhara - Prima colazione in hotel, intera giornata dedicata alla visita di Bukhara, una delle più antiche città del mondo, la storia data la fondazione a oltre 2.500 anni. Bukhara nel corso di 200 anni fu il centro del Regno Islamico e si sviluppò come centro commerciale e scientifico dell’Asia Centrale. Durante l’invasione degli mongoli nel 1219 citta’ fu distrutta.  Oggi Bukhara è uno dei poli più importanti dell’industria e dell’economia e una delle maggiori città dell'Asia centrale. Visita al complesso Chor Minor uno dei piu’ affascinanti e originali edifici di Bukhara e Sitora I Mohi Khosa, il palazzo estivo dell’Emiro Alim Khan. Lyabi-Hauz è la piazza principale costruita attorno ad una vasca nel 1620. Nel XX secolo nel giardino davanti alla madrassa fu eretto  il monumento del leggendario personaggio popolare Khodja Nasreddin, a est della statua si trova la Madrassa di Nodir Devan Beghi (1622), costruita come caravanserraglio, ma poi diventata madrassa. A nord vi è la madrasa Kukeldash (1568-1569), il più antico e grande complesso di Lyabi Hauz. Oggi a Bukhara si trova una delle più antiche moschea dell’Asia Centrale La moschea Magoki-Attari (10°- 12°-16° sec.). Pranzo in ristorante locale. Pomeriggio visita al simbolo principale e punto di riferimento della città, il Minareto Kalyan «il grande minareto», alto 47 m. Vicino al Minareto Kalyan si trova la Moschea Kalyan, collegata al minareto da un piccolo ponte. Proseguimento nella cittadella dell’Ark (XVIII-XIX secolo), una città regale, centro dell’ organizzazione statale di Bukhara. Accanto alla vasca di fronte all’ingresso dell’ Ark sorge la moschea Bolo-khauz (1712), luogo di culto ufficiale dell’ emiro. Il mausoleo dei Samanidi (X secolo) fu costruito nel periodo di Ismail Samani (892-907) e divenne sepolcro famigliare dei Samanidi. Cena in ristorante locale. Pernottamento in hotel.

5°giorno: Bukhara / Shakhrisabz / Samarcanda (380 km) - Prima colazione in hotel. Partenza per Shakhrisabz “la città verde”, una piccola località situata a 90 km a sud di Samarcanda. Visita alle splendide rovine di questa antica e gloriosa città. Con oltre duemila anni di storia venne costruita secondo un modello tipico dell'Alto Medio Evo con una struttura centrale simile a quelle di Samarcanda e Bukhara ed ha continuato a svilupparsi durante il IX e X secolo nonostante i continui conflitti tra le dinastie samanidi e i turchi. E’ la città natale di Tamerlano che fece costruire il Palazzo Ak-Saray (1379-1404) “il palazzo bianco” di cui sbalordiscono la grandezza e la magnificenza. Lo stesso vale per il Doru Tilavat (seggio del potere e della forza) che forse arrivava anche a superare in grandiosità lo stesso palazzo, da non dimenticare  le tombe degli antenati di Tamerlano e la gigantesca moschea di Kok-Gumbaz (1435) utilizzata come moschea per la preghiera del venerdì. Pranzo e trasferimento a Samarcanda, arrivo e sistemazione in hotel. Cena in ristorante.  Pernottamento in hotel.

6˚giorno: Samarcanda - Prima colazione in hotel. Giornata dedicata alla visita della città, capitale dell’impero di Tamerlano e la storia di venticinque secoli. Samarcanda è una vera e propria “soglia del paradiso”, ha il nome magico e un po’ misterioso, un invito a viaggiare per gli artisti e sognatori. Ha mantenuto le sue cupole smaltate a vetro, le sue mura dai colori vivaci e mausolei che costituiscono il tesoro dell‘architettura dell’Asia Centrale. Visita al mausoleo di Gur-Emir (XV secolo), che significa “la tomba dell’ Emiro”, è il luogo dove venne  sepolto Tamerlano e i suoi seguaci. Il mausoleo fu costruito per ordine di Tamerlano per suo nipote Mukhammad Sultan, morto nel 1403. La piazza Registan è il simbolo di Samarcanda (XV-XVII secolo), circondata dalle meravegliose madrase di Ulughbek, Sher Dor e Tilla – Kari, decorate con l’abbagliante maiolica, testimonianza dell’evoluzione dell’architettura dei Temuridi. Visita della moschea di Bibi-Khanim (XV secolo) che è stata  la più grande moschea della sua epoca nell’Asia Centrale. Vicino alla  moschea si trova il colorato e vivace bazar orientale Siabla. Pranzo in ristorante tradizionale. Visita del complesso Shakhi-Zinda, un gioiello di architettura del XIV-XV secolo di Samarcanda, unico nel suo genere, dove si possono trovare tutti i processi artistici della decorazione islamica. Cena in ristorante tradizionale.  Pernottamento in hotel

7°giorno: Samarcanda / Tashkent (310 Km ca)- Prima colazione in hotel.  La visita di Samarcanda prosegue con  il complesso Imam-al-Bukhari situato a 12 km dalla citta, il Mausoleo Hodja Doniyor, l'Osservatorio di Ulugbek (1428-1429), le rovine e il museo di Afrasiab con affreschi del VII secolo. Visita della fabbrica di tappeti di Samarcanda e alla fabbrica di carta di seta.  Pranzo in ristorante e partenza per Tashkent. Cena in ristorante e pernottamento in hotel. 

8˚giorno: Tashkent - Trasferimento in aeroporto e fine dei nostri servizi. 

Quote valide dal 10/03/2019 al 30/11/2019 
Tour privato con guida locale parlante italiano 
Partenza garantita ​minimo 2 partecipanti 

Persona in camera doppia
- Base 2 partecipanti Euro 1.370,00
- Base 4 partecipanti Euro 1.150,00
Supplemento camera singola  Euro 210,00

Hotel previsti durante il tour: 
- Khiva: Asia Khiva o similare
- Bukhara: Asia Bukhara similare  
- Samarcanda: Asia Samarkanda similare
- Tashkent: City Palace o similare

La quota comprende: trasferimenti da/per aeroporto - tour effettuato in auto privata /minivan con aria condizionata - guida locale parlante italiano durante il tour  - pensione completa dalla colazione del primo giorno alla colazione del 8°giorno - ingressi come da programma incluso permessi per le foto - assicurazione sanitaria e bagaglio. 

La quota non comprende:  quota iscrizione e spese gestione pratica Euro 70,00 - voli intercontinentali e volo interno Tashkent / Urgench - visto  - assicurazione annullamento - mance - bevande - extra di natura personale - quanto non indicato nella voce" la quota comprende".

COD/SRT/PVTITA1

Torna indietro