Nel cuore del Pacifico

Situata nell'Oceano Pacifico la Polinesia Francese è territorio d'oltremare della Francia,  è una delle vacanze sognate   con spiagge candide, lagune cristalline, natura lussureggiante, il sorriso e l'ospitalità di qusta popolazione gentile. Quello che immaginate esiste ed è qui!

Un posto al mondo, fuori dal mondo: si chiama Tahiti, Moorea, Bora Bora, Rangiroa, Tikehau, Manihi, Fakarava, Huahine… si chiama Polinesia Francese. Composta da 118 isole, sparpagliate in cinque arcipelaghi, le Isole della Società (che comprendono Tahiti), le Tuamotu, le Marchesi, le Tubuai e le Gambiers,  ognuna con un proprio carattere, una propria anima, ma qualcosa in comune: essere in un luogo idilliaco. Le isole sono un mix di montagne vulcaniche alture collinari e atolli corallini.
Da un punto di vista climatico la Polinesia Francese conosce due stagioni distinte,  la stagione delle piogge, che va  da novembre ad aprile, anche piogge intense ( e temporali brevi e violenti), la stagione secca che va da maggio a ottobre  quando le piogge  sono scarse e le temperature sono un po' più fresche.

Tahiti e le sue isole: lussureggianti, belle, brillano nell’immensità dell’Oceano Pacifico caratterizzate dagli influssi del popolo maohi che scoprì queste terre.

Isole Gambier
A oltre 1.660 km a sudest di Tahiti si trovano le remote isole Gambier. La mitologia polinesiana racconta che Mangareva fu sollevata dall’oceano dal semidio Maui. Le montagne di Mangareva si ergono sulle isole circostanti e la laguna luminosa come una grande cattedrale. Benché un tempo questo fosse il centro del cattolicesimo in Polinesia, la gente di Mangareva è ritornata a uno stile di vita polinesiano più tradizionale e l’isola è diventata un importante fornitore di perle coltivate tahitiane. Oltre agli allevamenti di perle e ai tour dell’isola su strada o via mare, i viaggiatori possono anche visitare le numerose chiese, conventi, torri di guardia e scuole rimaste dal XIX secolo. Alcune strutture sono ancora in uso, come la chiesa di San Michele di Rikitea, dove l’altare è intarsiato con madreperla iridescente.

Isole Australi
Le isole Australi sono situate a sud delle Isole di Tahiti, sul Tropico del Capricorno e rappresentano l’ultima frontiera della Polinesia Francese. Il clima è più fresco di quello di Tahiti e la forma l'ecosistema di queste isole le rendono un affascinante mondo a sé. Scoperte dagli europei nel XVIII secolo, le Isole Australi si trovano a 600 km a sud della capitale di Tahiti. L’arcipelago è composto da 7 isole, 5 delle quali abitate e 4 raggiungibili via aereo.  Paesaggi mozzafiato, con monti, valli e altipiani,  siti archeologici che si nascondono  su ogni isola, a testimonianza di una ben organizzata civiltà pre-europea, con ricche pratiche culturali e religiose. Queste aree fungevano un tempo da luoghi di sepoltura e oggi sono un palcoscenico ideale dal quale osservare le megattere. Le balene raggiungono le Isole Australi da agosto a ottobre per riprodursi e dare alla luce i loro piccoli. Pertanto, su queste isole è possibile godere di terre e mari incredibili, escursioni memorabili e immersioni favolose.  Nei villaggi colorati e pittoreschi è possibile scoprire la maestria artigiana degli isolani che vivono per l’arte, la pesca e l’agricoltura.  L’arte dell’intreccio è tramandata di generazione in generazione, così come l’arte del sorriso.

  • INFORMAZIONI UTILI Capitale: Papeete Popolazione: 188.814 Superficie: 3.520 km2 Fuso orario: -11h rispetto all'Italia; -12h quando in Italia è in vigore l'ora legale. Lingue: francese Religioni: p...
  • LOCALITA' Tahiti Capitale e cuore pulsante dell’isola, Papeete, il cui nome significa “acqua del paniere” è il più grande scalo del Pacifico Meridionale. Si innalza con i suoi...