Il Burj al Arab (ovvero la Torre degli Arabi) con i suoi 321 metri di altezza è uno degli hotel più alti del mondo ed è uno dei simboli di Dubai. E' situato su un isola artificiale a circa 300 metri dalla spiaggia di Dubai e collegato alla terra con una strada sospesa sul mare.
L'archittura dell'hotel, la cui forma ricorda quella di una vela gonfiata dal vento, è stata studiata in modo tale da non mettere mai in ombra la spiaggia. 
L'hotel è composto esclusivamente da suites di diversa categoria dalla più piccola di 170 mq (Deluxe Suite) alla più grande di 780mq (Royal Suite), per un totale di 202 suites.
Ogni suite, disposta su due piani arredataluossosamente e curata in ogni dettaglio, è composta da un soggiorno al piano inferiore mentre al piano superiore si trovano il bagno e la camera da letto e sono fornite di TV al plasma con lettore DVD e ricezione satellitare, fax, collegamento ad internet, minibar, cassaforte, aria condizionata, telefono con linea internazionale diretta, jacuzzi privata, giornale in camera, vetrate panoramiche con vista sul golfo di Dubai. Le camere sono insonorizzate, anallergiche e tutta la struttura è non fumatori. Per ogni camera vi è un maggiordomo per ogni esigenza degli ospiti.

SERVIZI: 4 ristoranti di cui uno sottomarino ed uno ed uno a 200 metri di altezza, vari bar e lounge, 3 piscine di cui una per bambini, piscina coperta, 3 campi da squash, 7 campi da tennis illuminati, fitness centre, centro benessere con sauna e bagno turco, eliporto, spiaggia privata attrezzata, possibilità di praticare sport acquatici, parco giochi per bambini, biliardo, biblioteca, negozi, lavanderia, servizio baby sitter. In tutta la struttura è disponibile connessione internet wireless gratuita.
Per gli ospiti dell'hotel è incluso l'accesso al parco acquatico adiacente Wild Wadi.

Nota Bene: Durante il periodo del Ramadan e di altre feste islamiche bar, pub, ristoranti, discoteche e night-clubs potrebbero essere chiusi o offrire servizio parziale ad orari prestabiliti, in accordo con quanto previsto dalle norme governative e religiose.

Torna indietro